Il finanziamento permette di far fronte alle spese impreviste o rateizzare i progetti desiderati. Con un finanziamento si possono realizzare acquisti di medio-elevato importo addebitando una rata mensile su conto corrente, evitando così di utilizzare i propri risparmi accantonati.

La cessione del quinto è una particolare forma di finanziamento che permette di ottenere un prestito a firma singola, con addebito diretto su busta paga o pensione. La rata non può superare un quinto dello stipendio netto o pensione e può avere una durata massima di 120 mesi.

Si può valutare un consolidamento debiti quando il cliente ha più impegni in corso e con questa operazione finanziaria detta consolidamento può ridurre l’impegno mensile.

Per rinnovare la cessione del quinto devono essere decorsi i termini di legge, ovvero aver pagato il 40% del piano d’ammortamento complessivo. Se il piano d’ammortamento è inferiore a 60m è sempre rinnovabile con una nuova cessione del quinto di durata 120 mesi.

I motivi del rifiuto possono essere diversi. La difficoltà d’accesso al credito può essere dovuta all’indebitamento, all’assenza di un valido garante, la presenza di rate non regolarmente pagate presenti in banca dati come CRIF. Non sempre la tipologia di finanziamento richiesta è adatta al cliente, per questo è meglio consultare un professionista del credito.

I documenti necessari sono i seguenti: documento di riconoscimento, tessera sanitaria, documenti di reddito lavoro o pensione, iban cc.

Il prestito personale di solito può essere rinnovato dopo 6 rate pagate, ma anche meno, dipendente dall’importo ottenuto, la durata del piano e il profilo finanziario del cliente.

La delega di pagamento detta anche “doppio quinto” è una particolare forma di finanziamento che affianca o viene inserita successivamente alla cessione del quinto per ottenere importi di finanziamento maggiori, su accettazione del datore di lavoro.

Spesso è la soluzione migliore per ottenere a firma singola un finanziamento e chiudere più prestiti personali in corso, anche se presenti ritardi di pagamento.

Per ottenere la cessione del quinto o il prestito personale non è necessario avere la cittadinanza italiana ma basta la residenza in Italia con contratto di lavoro a tempo indeterminato o pensione.

Certo, posso scegliere la scadenza della rata tra il 1 o il 15 del mese e l’addebito in conto corrente o bollettini postali.

L’anticipo del TFS è possibile richiederlo appena si riceve l’accoglimento di domanda della pensione e si è un ex dipendente pubblico statale.

Contattaci telefonicamente per una consulenza gratuita

Ti contattiamo noi!

Compila il seguente modulo per richiedere informazioni o ottenere un preventivo via telefono. Sarai ricontattato gratuitamente e senza impegno!